Piano Casa

CON I NOSTRI EMENDAMENTI AL PIANO CASA ABBIAMO SCALFITO UN MURO IDEOLOGICO! ABBIAMO STRAPPATO DELLE APERTURE IMPORTANTI PER L’ECONOMIA MARCHIGIANA. CI HANNO BOCCIATO ALTRI EMENDAMENTI SOLO PERCHE’ SPACCA DOVEVA CONCEDERE QUALCOSA A VERDI E SINISTRA!

E pensare che Spacca ha già lanciato la sua Campagna per il 2010 ripresentando l’intera Coalizione (11 Partiti) dove dentro c’è di tutto. Il Piano Casa è stato l’occasione per far capire a tutti quale sarebbe la confusione programmatica sullo sviluppo delle Marche nella prossima legislatura se dovesse rivincere Spacca.

Soddisfazione per l’accoglimento dei nostri emendamenti per:

1. la possibilità di ampliamento del 20% e fino a 200 mc per tutti gli edifici;

2. la possibilità di ampliamento per i fabbricati rurali fino a 70 mq;

3. la possibilità di ampliamento di alberghi e strutture ricettive fino a 35% in casi di demolizione e ricostruzione.

Insoddisfazione per:

1. perché è rimasta la chiusura su: le aree di “sedime” con l’impossibilità di arretrare di qualche metro gli edifici (demolizione e ricostruzione) che sono troppo vicini alla sede stradale o ad un fiume;

2. la non riduzione dei costi di costruzione;

3. la non equiparazione delle proprietà ecclesiastiche a quanto permesso e consentito in termini di ampliamenti per gli ERAP.

Ancona, 7 ottobre 2009
Francesco Massi
Consigliere Regionale PDL