MARCOLINI, LO SFERISTERIO E I TAGLI: MENO DEMAGOGIA E VENGA IN COMMISSIONE CULTURA

COMUNICATO STAMPA

 

MARCOLINI, LO SFERISTERIO E I TAGLI: MENO DEMAGOGIA E VENGA IN COMMISSIONE CULTURA

 

L'Assessore alla Cultura e al Bilancio, Pietro Marcolini, sta convocando Enti ed Associazioni per tavoli e consultazioni sulla programmazione della cultura.

Ormai sono passati più di tre mesi dall'insediamento della Giunta ed è ora che egli venga in Commissione a riferire sulle situazioni che ha riscontrato ed anche sulle prime linee programmatiche.

Chiedo e dico questo perchè ritengo che sia arrivato il momento del confronto approfondito nella sede più competente, che è la Commissione e che non siano utili allarmismi sui tagli e su possibili accorpamenti.

La situazione attuale è, senza dubbio, difficile ma si paga il ritardo di programmazione e di lungimiranza della Regione.

Sono 10 anni che noi dell'opposizione evidenziamo le principali inadempienze:

  1. il contributo della Regione allo Sferisterio è fermo alla quota del 1998. Nel frattempo sono intervenuti ed aumentati i contributi della Fondazione Carima e di sponsor privati. Dunque non è il caso di piangere adesso.
  2. la Giunta Regionale non ha mai voluto evidenziare le eccellenze del Rossini Opera Festival e dello Sferisterio con la conseguenza che si è creato un “appiattimento” generale che ha penalizzato lo Sferisterio che, certamente, non può essere paragonato ad altri Enti ed ad altri eventi culturali. In sostanza la Regione non ha salvaguardato la assoluta specificità dello Sferisterio.
  3. Prima di parlare di accorpamenti e fusioni di gestioni chiediamo all'Assessore uno studio approfondito. Sin d'ora sono favorevole alla programmazione concertata tra Regione, Sferisterio e Rof, ma sono contrario a sopprimere l'autonomia gestionale dello Sferisterio.

 

Su questo argomento spero che il Sindaco Carancini tenga alta la guardia e si muova a tutela di questo patrimonio che non è, peraltro, solo del Comune di Macerata, ma di tutta la Provincia e di tutta la Regione.

 

Ancona, 23 Luglio 2010

 

 

 

                                                        Francesco Massi

                                                         Capogruppo PDL

                                                          Componente Commissione Cultura