Fuori luogo l'enfasi dell'assesore Badiali sugli interventi a favore del lavoro e della disoccupazione: la realtà vera percepita dai lavoratori e dai giovani, è davvero un'altra

Riscontro con piacere che le mie critiche e valutazioni, dei giorni scorsi, hanno colto nel segno, se è vero che oggi registro la reazione dell’Assessore Badiali in tema di sostegno al lavoro ed alla occupazione. L’Assessore dipinge una realtà “rose e fiori” che non è né quella vera né quella percepita da tanti lavoratori e giovani disoccupati. In primo luogo Badiali elenca una serie di interventi a sostegno e ammortizzatori sociali i cui Fondi provengono unicamente dal Governo centrale: la Regione ha fatto solo, al massimo da “distributore”. La percentuale dei giovani laureati e diplomati disoccupati nelle Marche era e resta tra le più alte in Italia a prescindere della crisi attuale. Le politiche a sostegno dell’impiego dei giovani e delle imprese continuano ad essere del tutto carenti e per lavorare nella pubblica amministrazione (per i pochi posti che ci sono) i giovani hanno la chiara sensazione di scontrarsi con un condizionamento politico egemonico ed asfissiante da parte del Centro Sinistra.

La politica dei meriti è ben lontana da Spacca e dai suoi nonostante quello che va predicando in questi giorni l’UDC dicendo che Spacca è il più bravo! Infine, chiedo a Badiali se ritiene che nelle politiche per la internazionalizzazione siano state sostenute efficacemente le imprese più piccole e capaci. Consiglio a Badiali di chiedere, in giro, cosa pensino le piccole imprese, i giovani ed i disoccupati, della Giunta Regionale. Si accorgerà dalle loro risposte che l’opera del Centro Sinistra è lontana dal vivere quotidiano ricco di ansie e paure.

Ancona, 23 Febbraio 2010
Erminio Marinelli
Candidato per il Centrodestra a Presidente della Regione