La Giunta di Tolentino nella crisi e nella confusione: tutti contro tutti!

Ancora una volta la “Voce” fa mancare i suoi voti alla manovra di Bilancio. Il Gruppo di Marco Romagnoli (interventi di Luciani e della Leoni) critica duramente il Sindaco e la Giunta per la loro inerzia ma poi assicura i voti decisivi per la sopravvivenza di Ruffini e compagni. Tuttavia tale “sopravvivenza” senza chiarezza sul programma e sulle strategie di sviluppo della città (urbanistica e infrastrutture) è solo nociva e prolunga un’agonia della maggioranza già nata male, nel 2007, piena di contraddizioni, solo per uno scontro denso di rancori e menzogne (basti pensare alla vicenda del Centro Commerciale di cui loro avevano i compromessi nel cassetto). Ma tale agonia, sulle spalle della città, viene prolungata anche da Comi che, in vista delle elezioni regionali di marzo 2010, non vuole cambiare nulla in quanto deve chiedere agli assessori di fargli la campagna elettorale. La manovra di Bilancio di ieri è solo un assestamento “ragioneristico” senza interventi per lo sviluppo e per il territorio. Serve solo a sistemare la imponente e dispersiva spesa corrente della Giunta. Da tale punto di vista bisogna dire che la critica della “Voce” non è infondata. Infine sul Piano Casa è stato superato il testo eccessivamente vincolistico dell’assessore Ruggeri con emendamenti presentati dalla maggioranza e dalla minoranza. Tuttavia è da sottolineare come, nonostante il suo assessore sia stato totalmente sconfessato, la “Voce” alla fine ha votato a favore il provvedimento! La farsa continua! E intanto la Giunta, malgrado i nostri solleciti, ignora l’incremento del Fondo di emergenza sociale a favore delle Famiglie in difficoltà!

Tolentino, 27 novembre 2009
Massi – De Renzis – Ruiti – Pupo – Fedeli - Pezzanesi